Jávea.com | Xàbia.com
Cerca

L'Ermita del Pòpul de Jávea: dov'è, cosa vedere e fotografare

10 ottobre 2020 - 11: 21

L'eremo di Pòpul de Jávea (puoi vederlo scritto in spagnolo con l'accento chiuso, Pópul, e chiamato anche Eremo della Vergine di Loreto) è uno degli edifici più antichi di Xàbia. La sua immagine è facilmente riconoscibile, sulla gonna del Montgó.

Successivamente hai un indice con tutti i punti con cui ci occuperemo.

Dov'è e come arrivarci

È sulla strada da Jávea a Jesús Pobre (CV-735), in particolare a 3 chilometri dal centro urbano di Xàbia, sulla destra. È il versante meridionale del Montgó, un tempo zona rurale e ora altamente urbanizzato.

Il suo indirizzo è Carrer Ermita 1, ed ecco una mappa per aiutarti ad arrivarci.

Storia

L'eremo di Pòpul appartiene ai cosiddetti "Eremi della Conquista" (datati tra il XIV e il XV secolo), perché in questo periodo, dopo l'espulsione dei musulmani e la riconquista del Regno di Valencia nel XIII secolo, i cristiani erano arrivando a ripopolare la zona. Così, gli eremi furono eretti per tutto il periodo di Xàbia, come un modo per riaffermare il nuovo cristianesimo del territorio. Attualmente, dei quattro Eremi della Conquista esistenti, ne rimangono solo tre e sono di proprietà comunale (gli altri due sono quelli di San Juan e di Santa Lucia e Santa Barbara).

Questi eremi della riconquista sono un insieme di eremi gotici costruiti secondo i canoni dell'epoca: con un'unica navata, tetto a due falde e un'unica porta di accesso con arco semicircolare (se conservata). Nello specifico, l'eremo di Pòpul risale al XIV secolo (anche se la data esatta della sua costruzione è sconosciuta), ed era originariamente dedicato a San Bartolomé, perché la valle in cui si trova è conosciuta con questo nome. Ma a poco a poco, quell'invocazione fu sostituita da quella della Vergine. Già nel XVIII secolo era conosciuto come l'Eremo della Mare de Déu del Pòpul, assimilato a quello della Vergine di Loreto, che presiede la cappella.

Nel corso della sua storia ha subito modifiche, soprattutto nel Settecento, quando fu profondamente rimaneggiato e furono aggiunti vari elementi. Tuttavia, nonostante gli interventi, l'edificio gotico originario è intatto.

architettura

Questi eremi sono generalmente piuttosto semplici e con un interno sobrio.

Esterno

È una costruzione di forma rettangolare con un tetto a due falde molto basso costruito su un telaio in legno, con pareti in muratura e contrafforti. La casa dell'eremita è attaccata a destra, con finestre sbarrate e un pozzo. La facciata è pentagonale, asimmetrica, e si apre su una piazza alberata. Presenta una facciata rinascimentale in pietra grezza, con due lesene scanalate con capitello dorico. Questa è la descrizione che fa il libro "Gli eremi della provincia di Alicante", di Ramón Candelas Orgilés:

La facciata è pentagonale e si estende a destra e comprende la casa dell'eremita; Presenta una facciata rinascimentale in pietra grezza: due lesene scanalate con basamento dorico e capitello, trabeazione e pinnacoli sferici alle estremità e campata sull'architrave; sopra, un oculo rotondo, un chiaro frontone e un campanile con staffe, un foro semicircolare e un tetto bifacciale. Tutti questi elementi provengono dalla successiva riforma del XVIII secolo, gli stessi aggiunti all'impianto: casa dell'eremita, sacrestia e coro.

Interno

L'interno è stato notevolmente modificato, come l'esterno, soprattutto nel XVIII secolo, quando furono aggiunti la sacrestia, il coro e l'accesso alla casa dell'eremita. Un grande arco a sesto acuto di tosca divide la navata, coperta da un tetto a due falde sorretto da un'intelaiatura di travi in ​​legno. Il presbiterio si eleva su una gradinata e alla sua sinistra un arco semicircolare lascia il posto al coro.

Lo spiega ancora Candelas Orgilés nella sua opera dedicata agli eremi della provincia di Alicante:

Presenta alcune sezioni con un banco da lavoro attaccato al muro e, nella seconda sezione, il presbiterio ha rialzato un gradino; fronte dritto con pala d'altare neogotica con dipinti che alludono a San Bartolomeo e San Sebastiano. Su una mensola, immagine della Vergine di Loreto sulla casetta, che in questo caso funge da Sagrario. A sinistra una cappella bassa, con apertura ad arco semicircolare in pietra grezza, oggi ospita il coro ea destra un'alta finestra con vetrate. A destra della prima sezione è stato aperto un altro arco simile al precedente che accede ad una parte della casa dell'eremita ampliando la navata. Tutte queste aggiunte sfigurano la struttura originale.

La pala d'altare neogotica che presiede l'altare ha rappresentazioni della Vergine, San Sebastián e San Bartolomé. L'intaglio della Vergine di Loreto è in legno di cipresso, realizzato dopo la Guerra Civile dal creatore di immagini locale Juan Bautista Devesa, Il Santoret. Altri oggetti di culto e di immagini sono i dipinti dell'artista Juan Bautista Soler Blasco (1920-1984), strettamente legato a Xàbia.

Feste e tradizioni

Si celebra la sua festa, alla quale partecipa anche Gata de Gorgos, il comune confinante seconda domenica di settembre. Quel giorno un pellegrinaggio si reca all'eremo, dove viene celebrata una messa cantata, dopo aver elaborato l'immagine intorno alla zona accompagnata da musica tradizionale. La giornata si conclude con la distribuzione di dolci, cioccolato e un vino d'onore.

Curiosità

È uno degli edifici più antichi di Xàbia (datato nel XIV secolo, anche se in una data specifica sconosciuta). Subì gravi danni durante la Guerra Civile, venendo abbandonata fino a quando nel 1972 non fu accolta la richiesta della Chiesa Anglicana (molti inglesi vivono nella zona) di riabilitarla per condividere il suo culto con i Cattolici. Finora è stata mantenuta la convivenza dei due culti.

Fotografie

Fonti bibliografiche consultate: "Gli eremi della provincia di Alicante", di Ramón Candelas Orgilés, pubblicato dal Consiglio provinciale nel 2004.

Lascia un commento

    28.803
    1.983
    9.290
    781