Il giovane Javiense Miguel Esteve debutta questo fine settimana come assistente arbitro di preferito

Ci sono pochi giovani che osano essere arbitri di calcio. Il javiense Miguel Esteve Espasa ha arbitrato per due anni. Con solo 14 anni è stato chiaro che la sua vocazione era di essere un arbitro di calcio. Ora con 16 anni, è registrato nella delegazione di Benidorm.

Come ogni giovanotto, ha iniziato a giocare a calcio, ma lo ha combinato arbitrando partite non federate fino agli anni 13 in un campionato locale. Miguel dice che gli piace giocare, ora arbitrando fino alla gioventù regionale 2, è un assistente nella categoria regionale e fino ad oggi è stato assistente preferenziale nelle partite amichevoli.

Proprio questa domenica debutterà nel gioco ufficiale di preferenza a Gandia, nel party Portuarios-Alginet. Poiché è minorenne, suo padre lo accompagna sempre alle feste. Miguel sottolinea che gli arbitri non hanno sicurezza nei campi di calcio e talvolta hanno un brutto momento.

Anche se non ha ancora avuto alcun corso sull'arbitrato video (VAR), Miguel dice che ha bisogno di perfezionarlo in alcune azioni del gioco, ma spera che a poco a poco cambierà. Il giovane arbitro afferma che «Il VAR aiuta i principali arbitri a fare qualche errore, con il VAR l'arbitro ha più sicurezza».

Per allenarsi e continuare a crescere come arbitro, Miguel guarda alle università di rango superiore a quelle che arbitrava. A livello nazionale gli piace come Juan Martínez Munuera e Antonio Matéu Laoz arbitro. Miguel si definisce come arbitro a cui piace giocare, ama il dialogo piuttosto che mostrare una carta, ma riconosce che è molto difficile raggiungere l'élite arbitrale.

Esteve lo riconosce "Questi sono test molto difficili, ma se ci pensate, spero che l'opportunità arriverà un giorno". In questo senso, di tanto in tanto la delegazione di Benidorm si reca a svolgere test fisici e tecnici per sapere se sono qualificati per l'arbitro.

L'hobby dell'arbitrato viene da se stesso, gli piaceva l'arbitro piuttosto che il gioco. «L'arbitrato ti aggancia, vuoi fischiare le partite, sono contento delle partite e ho una grande illusione nell'arbitrato», dice Miguel.

Un altro punto importante è la preparazione fisica. Miguel ha un personal trainer, che lo aiuta nella preparazione praticamente ogni pomeriggio. Al mattino studia 4º di ESO presso la scuola María Inmaculada, quindi durante la settimana, al mattino, studia, nelle serate di formazione e lezioni private e nei fine settimana ad arbitro.

articoli correlati

Commenti su "Il giovane javiense Miguel Esteve debutta questo fine settimana come arbitro preferenziale di aiuto"

*

25.883
1.609

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei biscotti di cui sopra e l'accettazione della nostra politica cookies, Clicca sul link per ulteriori informazioni. vicino