Jávea.com | Xàbia.com
Cerca

El Castell de la Granadella: storia, posizione e percorsi

20 marzo 2021 - 18: 26

El Castello del Granadella (Castello di Granadella in spagnolo) è una fortezza del XVIII secolo appartenente al sistema difensivo delle coste del Regno di Valencia. È stato un bene di interesse culturale (BIC) dal 1996. Sebbene sia l'unica struttura difensiva di proprietà pubblica conservata sulla costa di Xàbia, purtroppo è in cattive condizioni. Sebbene sia sempre stato conosciuto come Castell Granadella, in realtà non è un castello in quanto tale, ma in realtà è un batteria costiera, simile a quello di Teulada-Moraira.

posizione

Il Castell de Granadella si trova nel Morro del Castell, la punta rocciosa che chiude a sud la cala Granadella. Questa è la zona più meridionale di Jávea. Si raggiunge a piedi dalla via Camino Viejo del Morro del Castell. Ecco la mappa:

È un luogo di grande valore paesaggistico e ambientale, con alte scogliere calcaree molto caratteristiche di questa parte della Marina Alta.

Caratteristiche

Il Castell de la Granadella aveva la forma di un ferro di cavallo. Si possono ancora vedere resti della sua struttura, ma deteriorati, sparsi e un po 'nascosti tra la vegetazione. È praticamente scomparso.

Si ritiene che sia stato estratto durante la guerra di Napoleone (all'inizio del XIX secolo), come accadde in altre fortificazioni della zona, come il castello Fontana o il castello Moraira. Tuttavia, molto vicino ai ruderi della fortezza, si conserva in buono stato una cisterna rettangolare, destinata a immagazzinare l'acqua per il consumo delle truppe ivi stanziate.

I resti che attualmente vediamo sono di una batteria costiera con fronte semicircolare. La sua altezza totale avrebbe dovuto essere di circa 17 metri, anche se la parte superiore non è più conservata. I piani di costruzione, del 1737, sono nel Archeologia ed Etnografia Soler Blasco di Xàbia. Grazie a loro sappiamo che aveva due piani a cui si accedeva da una stretta scala a chiocciola (di cui ora si conservano solo i primi tre gradini). Le pareti erano larghe circa due metri nella parte inferiore e abbassate a 1,5 metri nella parte superiore. All'esterno erano rivestiti di pietra grezza. La parte anteriore del terreno aveva un fossato, quindi probabilmente aveva un ponte retrattile o una scala a spirale.

Al piano inferiore c'erano due stanze: una adibita a ripostiglio per le munizioni e un deposito di generi alimentari per le guardie. L'altro aveva cinque feritoie che ci permetteuano di controllare la baia e il mare aperto. La piattaforma di artiglieria aveva la capacità di due cannoni (Pastore Fluixá, 1988).

Storia

Non ci sono molti documenti sul Castell de la Granadella, ma sappiamo che la sua origine è musulmana. Era una piccola fortificazione, e su di essa fu costruita nel 1739 un'altra fortificazione rivestita di pietra grezza, occupata da una guarnigione di tre uomini e due cannoni di bronzo.

Secondo uno studio dell'archeologo municipale di Jávea, Ximo Bolufer, la più antica testimonianza dell'attività umana nel sito di Castell è un pezzo di ceramica trovato nella cisterna. Il pezzo, anch'esso custodito nel Museo Soler i Blasco, è il piede di una bacinella (brocca o bacinella per l'igiene personale) verniciato e decorato in verde e manganese di Paterna. La sua decorazione rappresenta un motivo araldico schematico che lo colloca cronologicamente verso la metà del XIV secolo.

Verso il XV secolo esistono due segnalazioni sull'esistenza di una torre sulla rupe della Granadella:

  • Uno, da un documento dell'Archivio Dénia, che si riferisce al pagamento di un uomo da assegnare alla torre Granadella.
  • L'altro è un riferimento del cronista Martí de Viciana citato da G. Cruañes nel suo effemeride"Anno 1492, essendo Marqués de Dénia e Signore di Xàbea D. Diego de Sandoval, fu costruito il castello di La Granadella".

Nel Relazioni topografiche e storiche del Regno di Valencia dal 1777 si legge: "Il castello di La Grandella è moderno, fondato circa 40 anni fa, ed è per questo che non sarà trovato su altre mappe". Il 17 settembre 1779, il castell in un episodio di attacco pirata: una nave algerina ha attaccato due navi catalane, che hanno dovuto rifugiarsi nella cala Granadella. Durante questo incidente, secondo lo storico Roc Chabás (1886-87), "I cannoni di quel castello furono smontati e non poterono aiutare nel combattimento".

Come nel caso della Batteria o Castello di Moraira, il Castello di La Granadella è nato come conseguenza della politica intrapresa per fermare le incursioni corsare sulla costa di Alicante. Come enclave di sorveglianza, ha operato fino alla Guerra d'Indipendenza all'inizio del XIX secolo.

Reperti archeologici

L'intervento per il recupero della cisterna ha portato alla luce un gran numero di materiali. Oltre al pezzo in ceramica appartenente a una vasca che, come abbiamo detto, costituisce la più antica testimonianza dell'attività umana, sono stati rinvenuti: frammenti di brocche, secchi (contenitori per il trasporto dell'acqua, ad esempio in una ruota idraulica), pentole, padelle , coperchi e una serie di raffinate ceramiche laccate decorate in blu e viola, tutte provenienti dalle botteghe di Manises e con una cronologia della metà del XVIII secolo. Inoltre pezzi metallici in bronzo, oggetti indeterminati e frammenti di cerniere e chiodi in ferro appartenenti alla falegnameria dell'edificio (porte e armadi). Sotto le macerie del castello, ma all'esterno, sono stati trovati dodici proiettili sferici di ferro, anche una moneta di Carlos III, un medaglione di San Francisco de Borja e San Ignacio de Loyola e tre tubi di argilla rotti.

Lavoro di recupero

El Javea Municipio ha agito sul Castell de la Granadella tra il 2001 e il 2005 per renderlo un riferimento turistico e una tappa obbligatoria per le escursioni. Alcuni dei suoi resti sono stati recuperati, quasi scomparsi dai cespugli e dall'incuria, ma non sono state azioni sufficienti. Sono state inoltre realizzate campagne di scavo promosse dal Museo Soler Blasco. Ma queste azioni sono state insufficienti.

Itinerari per la tua visita

Il raggiungimento di questo punto di natura comporta un circuito di circa 3,5 km tra andata e ritorno prendendo come punto di partenza la stessa Cala de la Granadella, anche se l'escursione può essere prolungata se si sfrutta il percorso circolare attraverso il Parque Forestal de la Granadella, che ha un paio di varianti che permettono di visitare nuovi ambienti e di abbreviare il percorso principale.

Percorso breve: Cala de la Granadella - Castell de la Granadella

Da un lato, abbiamo il file Itinerario Cala de la Granadella - Castell de la Granadella, 1,6 km (solo andata) e della durata di circa 45 minuti e di media difficoltà che trascorriamo vicino al mare e abbiamo viste impressionanti delle scogliere e del mare. Questo percorso è il PR-CV 354.

Per avviarlo, lasciamo l'auto nel parcheggio e camminiamo in direzione opposta alla spiaggia per trovare la posta che indica la direzione del Castell de la Granadella. Proseguiamo lungo la pista asfaltata con cartelli bianchi e gialli, che ci guida al bivio fino a raggiungere il sentiero.

Questo percorso ha gradini, ringhiere e catene di sicurezza fino ai ruderi della torre Granadella.

All'interno di questo percorso, c'è la possibilità della variante Teulería per raggiungere il Castell de la Granadella, il percorso è di 4,8 km e 279 m di dislivello.

Percorso di mezzo: Cala - Castell de Granadella - Mirador de Llevant - Cala

Questo percorso, che prende l'altra variante del PR-CV 354, è lungo 5,6 km e richiede circa 2 ore e mezza per essere completato. Non è un percorso difficile ma va tenuto presente che presenta tratti stretti per cui potrebbe essere considerato di media difficoltà.

Il percorso inizia nel parcheggio come abbiamo precedentemente indicato negli altri percorsi e sale lungo una strada asfaltata che porta al sentiero in salita e offre panorami spettacolari. Seguiamo il sentiero, ora in discesa, passando per alcuni gradini naturali che portano al Castell de la Granadella (Primo percorso breve). Da lì, iniziamo la salita al Mirador de Llevant, un percorso con maggiore dislivello rispetto al precedente. Il ritorno a Cala de la Granadella, punto di partenza, offre un percorso in discesa su un sentiero pianeggiante e molto semplice.

Percorso lungo attraverso La Granadella: Cala - Castell - Cumbre del Sol - Mirador - Cala

Questo percorso escursionistico, lungo 13,4 chilometri, compie un percorso circolare attraverso l'intera area della Granadella. Con un dislivello di 460 metri, il percorso è facilmente accessibile ed è segnalato in ogni momento dal PR-CV 354. La durata è compresa tra 3,5 e 4 ore, anche se come abbiamo indicato ci sono due varianti che possono accorciare il percorso.

Galleria

Lascia un commento

    28.803
    2.030
    9.411
    810