Jávea.com | Xàbia.com
Cerca

Museo Archeologico ed Etnografico Soler Blasco di Jávea

Febbraio 05 da 2020 - 13: 24

Il Museo Archeologico ed Etnografico Soler Blasco di Jávea, chiamato anche Museo Soler Blasco, si trova in uno degli edifici più rilevanti del complesso architettonico del Centro storico di Xàbia; la casa del palazzo di Antonio Bañuls.

Il Museo offre una mostra permanente di oggetti legati alla storia di Xàbia dai primi insediamenti neolitici alle vestigia dell'era moderna. Data l'importanza delle sue collezioni, il Museo dispone di una propria sezione all'interno della sezione Cultura.

Storia dell'edificio del Museo

Il Museu de Xàbia occupa uno degli edifici più rilevanti della città. Il suo primo proprietario e costruttore, Antoni Banyuls (morto nel 1662), fu un personaggio importante per la sua vicinanza al re Felipe III, di cui era maggiordomo, da cui l'origine del nome Casa Palacio.

Caratteristiche costruttive

Il palazzo, costruito nella prima metà del XVII secolo, ha una magnifica facciata di 'pietra grezza' (tipo di pietra tipico di Xàbia) in cui il 'porxens' di sopra.

All'interno i tre piani in cui è suddiviso l'edificio furono pesantemente trasformati nella seconda metà dell'Ottocento, seguendo le mode di quei tempi di boom economico. In questo modo, solo la pavimentazione originale con pianelle in laterizio e "mocadorets" in verde e bianco, nella stanza VI.

Sale espositive

Il Museo ha attualmente 2021 sale espositive nel 13, una delle quali ospita mostre temporanee. Ma è stato nell'estate del 2008 quando il museo è stato ampliato, migliorando le strutture e permettendo a questo centro di essere dotato di una sala conferenze e di nuove sale espositive.

Tour storico

Per descrivere le 13 sale espositive del Museo Soler Blasco, dobbiamo basarci sul percorso storico. Il primo piano mostra i resti trovati dalla preistoria al medioevo attraverso il mondo iberico e romano.

Inoltre, in questo primo spazio è possibile visitare anche le mostre temporanee, nonché una selezione del lavoro lasciato dal pittore JB Segarra Llamas (Xàbia, 1916-1994) con un totale di 32 opere esposte, che sono state realizzate in vari tecniche (olio, carboncino, grafite, sanguigna e acquarello), nonché un insieme di oggetti personali dell'artista.

Tesoro di Xàbia

Di questo primo piano spicca la scoperta dell'unico insediamento iberico di una certa importanza a Xàbia. È uno dei set di gioielli più importanti di questa cultura che è stato trovato in questo termine, nella Partida de Lluca. Il famoso Tesoro di Xàbia, apparso casualmente nel 1904, è costituito da una veste femminile composta da vari pezzi d'oro, finemente lavorati, e pochi pezzi d'argento. Il set presenta una datazione tra il IV-II secolo prima della nostra era.

Il Museo Soler Blasco raccoglie una magnifica replica in bronzo dorato del tesoro iberico di Xàbia, di cui spicca un diadema che è apparso all'interno di un vaso di ceramica e altri pezzi d'oro.

Inoltre espone campioni di ceramiche romane e medievali, oltre ad alcuni pezzi in ceramica con decorazione pittorica. Degni di nota sono anche gli oggetti in metallo di ferro e bronzo (molti dei quali armi militari), monete e altri materiali dai depositi di Xàbia e dei suoi dintorni.

Sala di archeologia subacquea

Dopo il tour, saliamo al secondo piano, dove si trova una delle collezioni più importanti del Mediterraneo: la sala dedicata all'archeologia subacquea. Un'ampia e ricca collezione di pezzi della costa di Xàbia, in gran parte recuperati e donati da C. Miravet e Ph. Lafaurie.

Il pezzo forte e quello che più attira l'attenzione dei visitatori all'ingresso di questa sala è l'insieme di 24 anfore di diverso tipo e con date che vanno dal VII secolo a.C. al VII secolo d.C.

La sala ospita anche numerosi oggetti in ceramica e metallo che mostrano e spiegano i contatti e le relazioni delle nostre terre durante gli ultimi 2.500 anni, oltre a una grande ancora in piombo di epoca romana, ora restaurata, che è stata recuperata nelle acque di Cap Prim, a Cala Sardinera. Diversi pannelli spiegano l'evoluzione dell'architettura navale, nonché aspetti della storia e dell'archeologia subacquea di Xàbia.

Cultura tradizionale

Al terzo ed ultimo piano troviamo "cosa eravamo". Un viaggio nella cultura e nei costumi della città. Abbigliamento, macchinari e una miriade di utensili da campo che segnano la storia di Xàbia, i suoi antenati.

Utile

posizione

Il Museo si trova in Plaça dels Germans Segarra, Nº 1

Orario di visita

Il Museo è aperto, a Orario invernale, Dal martedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20 Il sabato, la domenica e i giorni festivi l'orario è dalle 10:13 alle XNUMX:XNUMX. Il lunedì è chiuso.

En estate, i mesi di luglio, agosto e settembre, gli orari sono dal martedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 18 alle 21 sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 13. Lunedì chiuso.

Pertanto, il Museo è chiuso solo il lunedì e il 25 dicembre (Natale), il 1 ° gennaio (Capodanno) e il 6 gennaio (Three Kings Day)

Contatti

El telefonicamente il contatto è il 96 579 10 98 e può essere contattato anche da email all'indirizzo: museu.xabia@gmail.com o mvsev.xabia@gmail.com.

Galleria Fotografica

Lascia un commento

    28.803
    2.030
    9.411
    810