Jávea.com | Xàbia.com
Cerca

Health esegue uno studio clinico con infusione di plasma di pazienti che hanno superato il coronavirus

Può 21 da 2020 - 12: 29

L'Ospedale La Fe de València, l'Ospedale San Joan d'Alacant e il Centro trasfusionale della Comunità Valenciana hanno avviato una sperimentazione clinica per verificare se il plasma dei donatori che hanno superato l'infezione COVID-19 può aiutare a migliorare la salute dei pazienti con prognosi incerta.

Sono state quindi eseguite quattro trasfusioni: due all'Ospedale La Fe de València, una a Sant Joan d'Alacant e l'altra all'Ospedale Clinico de València.

La trasfusione di plasma iperimmune, ottenuta da persone che hanno superato l'infezione e contiene anticorpi neutralizzanti contro il virus, è un'arma terapeutica che viene esplorata nei casi in cui il resto dei trattamenti che fissano gli attuali protocolli falliscono.

"È una corsa tra il virus, che vuole continuare a replicare e ferire gli organi, e il paziente, che deve sviluppare un'immunità efficace che lo neutralizza", nelle parole di Miguel Salavert, capo della sezione Malattie infettive dell'ospedale La Fe.

"Se il paziente non riesce a vincere quella gara, dobbiamo aiutarlo e il modo è infondere nel plasma molti anticorpi dei donatori iperimmuni", ha indicato.

I primi risultati sono positivi, come spiegato Gonzalo Salvador, medico associato di medicina interna a La Fe: "La nostra paziente era stata ricoverata per un mese e, dopo aver provato altri trattamenti, ha continuato a necessitare di farmaci immunosoppressori".

"Pertanto, riteniamo che la cosa migliore sia stata supportarla con quest'arma terapeutica che dobbiamo aiutarla a eliminare definitivamente il virus", ha dettagliato. Oggi le donne possono camminare senza annegare.

Anche il secondo caso trattato a La Fe si sta evolvendo in modo soddisfacente, e quello del clinico "È stata una ripresa straordinaria, ci è stato comunicato che è già dimessa e a casa"Salavert ha commentato.

La ricerca clinica è aperta alla collaborazione di tutti i centri di Valencia: "È uno studio ambizioso. Vorremmo raggiungere 200 pazienti (dai donatori, verranno effettuati i necessari) e 200 controlli, cioè 200 pazienti sottoposti a plasma (100 pazienti immunocompetenti e 100 pazienti immunosoppressi) e un numero simile di gruppo di controllo", ha indicato Marino Blanes, medico associato dell'Unità Malattie Infettive dell'Ospedale La Fe.

In altre parole, le persone a cui viene offerto questo trattamento verranno sospese e il resto dei trattamenti che vengono regolarmente applicati a questi pazienti verrà somministrato e, in assenza di una terapia efficace confermata, questa è una via aperta raccomandata da organizzazioni nazionali e internazionali "Marino Blanes ha dettagliato.

D'altra parte, Francisco Jover, capo dell'Unità per le malattie infettive dell'Hospital de Clínico Universitario de Sant Joan di Alicante, ha indicato che "i primi due pazienti provengono dalla prima fase della pandemia e non avevano risposto ai trattamenti iniziali. Il profilo degli altri due pazienti corrisponde a quello dell'obiettivo dello studio, di agire nelle prime fasi dell'infezione".

Lo ha anche riferito "dal nostro ospedale abbiamo inviato più di 30 donatori al Centro trasfusionale e la disposizione dei donatori è eccellente". "Molti di loro erano gravemente malati e, fortunatamente, guariti e, inoltre, molti sono professionisti della salute o professionisti delle professioni essenziali".

La procedura di donazione è sicura

La donazione di plasma iperimmune è volontaria, simile a una donazione di sangue in uso. Il plasma viene estratto, elaborato presso il Centro trasfusionale della Comunità Valenciana, titolando la quantità di anticorpi efficaci e conservato fino a quando gli ospedali lo richiedono per un paziente specifico.

Puoi donare a chiunque abbia superato l'infezione e abbia sviluppato anticorpi contro il virus SARS-CoV-2 e soddisfi i criteri per la donazione di sangue convenzionale. Gli operatori sanitari lo stanno già facendo.

I candidati a questa trasfusione di anticorpi hanno, per la maggior parte, malattie autoimmuni o oncoematologiche che non possono far fronte all'infezione stessa.

Con questo studio clinico, il cui ricercatore principale è Marino Blanes, dell'Ospedale La Fe, la Comunità Valenciana si unisce alla dozzina di centri che stanno sviluppando ricerche cliniche in tutto il mondo alla ricerca di nuovi trattamenti contro l'infezione COVID-19: L'ospedale universitario Puerta de Hierro-Majadahonda, in Spagna, e, a livello internazionale, ha sede in Cina, Colombia, Paesi Bassi, Francia o Stati Uniti.

Lascia un commento

    27.654
    1.823
    6.560
    542
    Utilizziamo cookie propri e di terze parti per offrirti pubblicità personalizzata e raccogliere dati statistici. Se continui a navigare consideriamo che accetti il ​​nostro politica cookies.