Jávea.com | Xàbia.com
Cerca

Manifesto del consiglio comunale su LGTBIQ + Pride Day: "Per una Xàbia orgogliosamente diversificata"

28 June 2022 - 14: 44

Il 28 giugno si celebra la Giornata internazionale dei diritti LGTBI, che commemora tutti i fes esdevingut la notte del 28 giugno 1969 al pub Stonewall di New York.

Oggi ricorda l'importanza di continuare a costruire società più tolleranti che cercano la diversità e promuovono il rispetto dei diritti delle persone LGBTI.

Una giornata per continuare a mobilitarci per una società diversificata e rispettosa con la diversità di genere, capace di sradicare l'odio e la discriminazione. Dobbiamo lavorare per un mondo di assoluta tolleranza, libertà e uguaglianza.

È avanzato molto, ma è necessario continuare ad avanzare con molto sforzo e perseveranza.

Cal denuncia l'omofòbia. Finisce bene se viene presentato come un divertimento innocuo o un tratto culturale accettato. È discriminazione e dobbiamo combatterla e lavorare sodo per ottenere città libere ed eguali.

Dalle Istituzioni abbiamo assicurato l'effettiva uguaglianza di tutte le persone LGBTI e delle loro famiglie, come elemento essenziale di una buona convivenza per il progresso e lo sviluppo sociale.

È nostro dovere frenare i discorsi di odio che di volta in volta vengono scortati, rendendo la società consapevole perché tutte le persone possano mostrare il proprio senso di identità o orientamento sessuale per amore del rispetto.

Siamo i consigli comunali, istituzioni più vicine alla cittadinanza che dobbiamo garantire azioni chiare per l'uguaglianza e la difesa della convivenza, ponendo in marxa politiche che migliorino la vita dei nostri vicini.

Per tot això hui rimarca che:

  • Difendiamo il diritto alla piena uguaglianza, alla dignità e al pieno sviluppo dell'identità sessuale e/o di genere.
  • Dimostriamo il nostro impegno nel promuovere atteggiamenti e politiche che favoriscono la consapevolezza sociale per un cambiamento di mentalità efficace che sradica gli atteggiamenti LGBTIfobici.
  • Esprimiamo la nostra speciale preoccupazione per i molteplici casi documentati che hanno manifestato, di fronte a hui, la criminalizzazione in alcuni paesi dell'omosessualità e della transessualità, la privazione dei diritti e la discriminazione legale, nonché l'impunità di questi crimini.
  • Continueremo a lavorare per prevenire possibili conflitti associati alla non accettazione e discriminazione della diversità sessuale.
  • Tra totes e tots continueremo a costruire una società sicura ed egualitaria con tutte le persone che possono essere, sentire e stimare uguali alla gente comune.

Per una società diversa ed eguale. Per una Xàbia orgogliosamente diversificata. Felice e rivendicato il 28 giugno.

31 Commenti
  1. Gabriel ha detto:

    CIAO dice:
    Giugno 30, 2022 su 2: 03 pm

    Forse la persona che ha letto il manifesto non è in grado di parlare più lingue contemporaneamente e per puro pragmatismo, per non prolungare ulteriormente l'evento, ha scelto di parlarne una sola. Sul sito web del Comune ci sono informazioni a riguardo, in spagnolo, nel caso foste interessati.
    risposta

    Gabriele dice:
    Giugno 30, 2022 su 3: 17 pm

    È che la LEGGE: "OBBLIGA" a farlo in entrambe le lingue.
    Se questo lo esaurisce, lascia che lasci la posizione.

  2. Gabriel, cameriere peruviano che ti serve da bere. ha detto:

    Per Enrico e Josefa:

    Vedo che non ti rendi conto che Selena e molti altri non conoscono il valenciano, NON DOBBIAMO SAPERLO.
    Per LEGGE, deve essere scritto in entrambe le lingue dalle Istituzioni, LE DUE LINGUE.
    Ma ovviamente la tua mancanza di educazione ti impedisce anche di rispondere in castigliano a chi ti sta rivolgendo in castigliano, ciò che è stato detto, doloroso.
    Continuate così, ragazzi.
    Continua con il tuo fascismo.

    • Josefa ha detto:

      Bene, grazie mille per il tuo commento, ma ciò che non dovrebbe essere buttato via la nostra lingua e tradizioni, siamo più istruiti di alcuni

    • Josefa ha detto:

      Penso che tu non controlli molto bene la questione del fascismo
      Buongiorno

      • Gabriel, cameriere peruviano che ti serve da bere. ha detto:

        Penso che tu non sappia davvero di cosa si tratta.
        IMPONE le tue idee, anche quando la LEGGE richiede che si parlino le due LINGUE, non IMPONE una di esse. Questo è il FASCISMO.
        Il peccato è non avere cultura e credere a quello che ti dicono, Josefa.

        • Massimo ha detto:

          Gabriel, hai una mente curiosa Patty. No hi ha cap llei que dice això (se pentole, dimostrare il contrario). A Xàbia l'administració pot fer les seues comunicacions en valencià amb tota normaltat. E se prude, si graffia.

    • Amadeu ha detto:

      Sou più pesante di una mucca in braccio. Xe, riposati. Siis inis fiscistis pirqui hiblis in vilincini. ridicolo

    • Josefa ha detto:

      Il teua ha detto che non mi interessa quello che ho detto che era ridicolo

  3. Carlos ha detto:

    Forza ragazzi. Silenzioso.
    Dobbiamo pagare con i nostri soldi (spagnolo, valenciano, murciano...) a pochi idioti incapaci di sopravvivere nel mondo reale. Ok, fare e dire sciocchezze è il suo unico lavoro adesso. Divertiti, perché pagare, continueremo a pagarti. Fino a quando le mode politiche non cambiano, e tornano alle loro cose: accovacciarsi, protestare, vivere di zuppa sciocca, ecc, ecc.

  4. Josefa ha detto:

    Cateto, tu che non sai parlare o scrivere in valenciano

    • Selena ha detto:

      Ti senti meglio per odiare il castigliano, in Spagna. Che poi avrà le sue conseguenze sociali, guarda cosa succede in Catalogna, guarda come li guarda il resto della Spagna, con dolore e delusione.
      Te lo guadagni mano nella mano.
      Insulti se vuoi, insulti chi ti chiede il testo in spagnolo, tu non sai fare altro.
      I partiti che vi difendono, a poco a poco, passeranno per i tribunali, dovranno rendere conto di quel fascismo culturale, che è la legge della vita. Sta succedendo.

      • Josefa ha detto:

        Buuu che diavolo?

      • Enric ha detto:

        Mare de Déu, ins vols send als courtes per escriure en valencià i diu que fem què… feixisme cultural? Sei molto sexy, benevolguda Selena. Qui gli unici feixistes riconosciuti sono quelli che vietano cultura e lingua per XNUMX anni. Hale, vai al campo a prendere il volo.

        • Gabriel, cameriere peruviano che ti serve da bere. ha detto:

          Enric, vedo che non ti rendi conto che Selena e molti altri non conoscono il valenciano, NON DOBBIAMO SAPERLO.
          Per LEGGE, deve essere scritto in entrambe le lingue dalle Istituzioni, LE DUE LINGUE.
          Ma ovviamente la tua mancanza di educazione ti impedisce anche di rispondere in castigliano a chi ti sta rivolgendo in castigliano, ciò che è stato detto, doloroso.
          Continuate così, ragazzi.
          Continua con il tuo fascismo.

  5. Roberto ha detto:

    E perché tutto in valenciano? Non ci sono parti interessate che parlano spagnolo?

    • Vecino ha detto:

      Vanno al limite con il catechismo della Terreta.
      So che rimpiangeranno tanto paletismo, allo stesso tempo….

      • Josefa ha detto:

        Cateto, tu che non sai parlare o scrivere in valenciano

        • Carlos ha detto:

          Forza ragazzi. Silenzioso.
          Dobbiamo pagare con i nostri soldi (spagnolo, valenciano, murciano...) a pochi idioti incapaci di sopravvivere nel mondo reale. Ok, fare e dire sciocchezze è il suo unico lavoro adesso. Divertiti, perché pagare, continueremo a pagarti. Fino a quando le mode politiche non cambiano, e tornano alle loro cose: accovacciarsi, protestare, vivere di zuppa sciocca, ecc, ecc.

    • Pau ha detto:

      Perquè ens donare la vittoria, in pratica. buona giornata

    • HOLA ha detto:

      Forse la persona che ha letto il manifesto non è in grado di parlare più lingue contemporaneamente e per puro pragmatismo, per non prolungare ulteriormente l'evento, ha scelto di parlarne una sola. Sul sito web del Comune ci sono informazioni a riguardo, in spagnolo, nel caso foste interessati.

      • Gabriel ha detto:

        È che la LEGGE: "OBBLIGA" a farlo in entrambe le lingue.
        Se questo lo esaurisce, lascia che lasci la posizione.

        • HOLA ha detto:

          Quello che dici non è vero: non esiste una legge che obbliga un pubblico ufficiale ad esprimersi in tutte le lingue ufficiali di un territorio ogni volta che deve dire qualcosa.

  6. Anti FALSO ha detto:

    Leggono un opuscolo e vanno a casa!

    Hahaha

    che roccia

    Oh! Quegli stipendi, che affare un po'...

  7. Vicino di casa ha detto:

    C'è un Dipartimento di UGUAGLIANZA, devono giustificare il loro stipendio, e le loro diete, con questi pariés "moderni".

  8. Vicino bisessuale ha detto:

    Essendo bisessuale residente a Jávea, mi vergogno di tutto ciò che fanno, per me tutto è un paripe politico e non mi rappresenta.
    Non ho bisogno che nessuno rappresenti i miei diritti o altro, o faccia della mia sessualità e di quella degli altri un simbolo politico, sono una persona come gli altri e la bandiera lgtbi NON è la mia bandiera né mi rappresenta c'è solo una SI che mi rappresenta ed è quella della Spagna che in essa è il mio orgoglio e la mia patria.


28.803
1.999
9.382
791