La Guardia Civil recupera a Dénia una collezione di pezzi archeologici messi all'asta

La Guardia Civile di Alicante ha arrestato tre persone direttamente legate a un'asta irregolare di pezzi archeologici, attraverso un portale Internet. Coloro che sono stati indagati sono accusati di un crimine contro il patrimonio storico e un crimine di frode.

Alla fine di luglio dello scorso anno 2018, il team di protezione della natura (EPRONA) del comando della guardia civile di Alicante era a conoscenza di un'asta di pezzi archeologici, che sarebbe stata effettuata in modo irregolare, attraverso un portale Internet. Gli agenti trovarono rapidamente l'asta in questione, che era valida per due giorni ed era organizzata da un negozio di antiquariato a Dénia.

In totale, venivano messi all'asta pezzi 219 di materiali diversi (fango, ceramica, vetro, osso, argento, potina, ferro, bronzo o rame), principalmente pezzi ornamentali, monete, gioielli, medicazioni, ecc., Che venivano pubblicizzati in dettaglio con lotti, foto e dati concreti sulle loro recensioni, come, ad esempio, che alcuni di loro appartenevano al periodo romano e iberico e altre fonti, come Titulcia (zona archeologica romana, situata nella città di Alcalá de Henares a Madrid) o addirittura da Israele e dai Balcani.

Una volta individuati i pezzi offerti, EPRONA, insieme a un ispettore tecnico del patrimonio mobile della direzione generale della Cultura e del patrimonio, collegato alla direzione territoriale del ministero dell'Istruzione, della ricerca, della cultura e dello sport di Alicante, è apparso nella negozio di antiquariato, conducendo un'ispezione congiuntamente.

I responsabili dello stabilimento non potevano giustificare in modo chiaro e dettagliato l'origine e l'acquisizione legale di questi pezzi, affermando che erano solo gli intermediari di un cittadino italiano, domiciliato nella provincia di Valencia, che offriva loro di venderli.

Sequestro delle parti 219

Prima della prima valutazione dei fatti e dello studio sul posto del tecnico Cultura, il sequestro è proceduto come misura precauzionale di tutti i pezzi, dell'219 che sono stati offerti online e della sospensione dell'asta immediatamente.

I corrispondenti procedimenti di polizia furono portati all'attenzione dell'Ilmo. Sig. Procuratore delegato per l'ambiente e l'urbanistica del tribunale provinciale di Alicante, proseguendo le indagini sui fatti, per il suo chiarimento totale

Per la valutazione e lo studio dei pezzi (vale a dire, per risolvere la loro autenticità o meno, nonché la loro origine e il tempo), è stata richiesta la collaborazione del Museo Archeologico di Alicante (MARQ), dal personale del
Università di Alicante, Museo archeologico provinciale di Alcalá de Henares (Madrid) e Ministero della Cultura di Alicante. Altre informazioni importanti per l'indagine sono state richieste anche al Dipartimento di
Cultura di Siviglia e Comune di Marbella (Málaga).

Mix di parti originali con falso

Allo stesso modo, è stata richiesta la collaborazione di INTERPOL per sapere se i pezzi avrebbero potuto essere rubati in qualche altro paese, o acquistati in modo irregolare o se provengono da qualsiasi bottino. Una volta ricevute le relazioni delle diverse organizzazioni, istituzioni e musei che hanno collaborato, gli agenti di EPRONA hanno svolto uno studio approfondito di tutta la documentazione raccolta, in stretta collaborazione con il Procuratore ambientale, giungendo alle seguenti conclusioni:

- I pezzi di Titulcia sono AUTENTICI e potrebbero appartenere esattamente a qualsiasi saccheggio subito in quell'area per anni, trame che sono state rilevate dai responsabili della Cultura della provincia di Madrid.

-Le altre opere studiate e apprezzate dal personale dell'Università di Alicante e del MARQ, appartengono a epoche diverse (II età del ferro, cronologia dal Neolitico all'età del bronzo, epoca romana del
I, IV e V secolo d.C., nonché sotto l'imperiale).

I pezzi autentici sono stati mescolati con altri che non sono, cioè in quella serie di vecchi pezzi che venivano offerti online per l'asta successiva, ci sono pezzi che sono semplici copie e riproduzioni
corrente.

Dopo oltre un anno di incessanti indagini, EPRONA ha concluso l'operazione con l'identificazione di tre persone, direttamente coinvolte negli eventi, essendo uno spagnolo e un irlandese (entrambi vicini di Alicante) e un
Cittadino italiano, residente a Valencia.

I tre sono già stati messi a disposizione del Tribunale di istruzione n. 3 di quelli di Denia, come indagato, per un presunto crimine contro il patrimonio storico e per un crimine di frode, nel grado di tentativo, dal momento che il
L'asta non si è materializzata.

articoli correlati

Commenti su "La guardia civile recupera a Dénia una collezione di pezzi archeologici che è stata messa all'asta"

(Obbligatorio)

26.478
1.713
4.964
447
Utilizziamo cookie propri e di terze parti per offrirti pubblicità personalizzata e raccogliere dati statistici. Se continui a navigare consideriamo che accetti il ​​nostro politica cookies.