La Guardia Civil di Jávea indaga un venditore di coupon per reati di frode e simulazione del crimine

La Guardia Civil di Jávea ha indagato su una presunta rapina con violenza e intimidazione, commessa su un venditore di tagliandi di Pego, che ha denunciato di aver rubato la collezione ottenuta mentre era sulla strada per entrare in banca.

Ultimo 5 aprile una commessa tagliandi VOLTA denunciato in unità della Guardia Jávea civile sono stati vittima di un reato di rapina con la violenza e l'intimidazione, lo scorso marzo 20 in una strada di Pego, in cui Il presunto autore ha usato un coltello per eseguire la sua intimidazione, con la quale ha causato diverse piccole ferite all'addome. Questo furto si è verificato quando la vittima è andata a depositare in banca la somma di euro 2.600, corrispondente alla riscossione delle vendite.

Il denunciante ha fornito ogni sorta di dettagli, sia l'individuo che l'ha derubata, sia un altro uomo che ha catturato l'aggressore in un veicolo, fuggendo sia dal luogo che dall'auto stessa.

Gli agenti della squadra di polizia giudiziaria della Guardia Civil di Jávea iniziarono immediatamente un'indagine, a causa della gravità dei fatti denunciati. Raccolsero tutti i tipi di informazioni sul viaggio fatto dalla vittima, le dichiarazioni dei testimoni, lo stato delle lesioni e altre indicazioni, determinando con tutto questo, solo cinque giorni dopo, che gli eventi non si erano verificati.

Abbiamo proceduto, quindi, all'inchiesta del denunciante iniziale, uno spagnolo 35 anni, per la commissione dei reati di frode e simulazione del crimine. Data la prova della quantità di prove ottenute, la presunta vittima ha finalmente riconosciuto i fatti, sostenendo che doveva affrontare alcuni pagamenti che non poteva assumere.

Si noti che in una piccola città come Pego, un crimine così grave (furto con violenza e l'intimidazione con un coltello), impegnata anche su una persona vulnerabile, come ad esempio un venditore di coupon, con problemi di udito, causato grande allarme . Con il chiarimento dei fatti, la preoccupazione che si era stabilita tra i vicini è scomparsa.

articoli correlati

Commenti su "La Guardia Civil di Jávea indaga un venditore di coupon per reati di frode e simulazione del crimine"

1 Comentario

*

25.703
1.597

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei biscotti di cui sopra e l'accettazione della nostra politica cookies, Clicca sul link per ulteriori informazioni. vicino