Jávea.com | Xàbia.com
Cerca

Chiesa di San Bartolomé de Jávea: storia, architettura e programma

Agosto 24 da 2020 - 01: 00

La Iglesia Fortaleza de San Bartolomé de Xàbia si trova nel centro storico, in Plaza de la Iglesia, e nel corso della sua storia non è servita solo da tempio ma anche da difesa. È un monumento storico-artistico nazionale dal 1931 e dal 2018 è considerato un BIC (bene di interesse culturale). La Chiesa di Sant Bertomeu È l'edificio principale nel centro storico di Jávea, caratterizzato dalle sue case bianche con architravi in ​​pietra grezza.

Successivamente hai un indice con tutti i punti con cui ci occuperemo.

Posizione

La Chiesa di San Bartolomé si trova nel centro storico di Jávea, nella Plaça de l'Església (Piazza della Chiesa in spagnolo). Ecco il piano:

Storia

La parte più antica di questo edificio religioso-militare è l'attuale presbiterio, costruito dal 1304. Nel 1513, i lavori iniziarono ad allargare la chiesa, guidata dall'architetto di origine basca, Domingo de Urteaga. Le ragioni dell'espansione furono l'aumento della popolazione e la necessità di fermare gli attacchi dei pirati berberi. L'edificio servì a difendere Jávea dagli attacchi che arrivarono dal mare durante il XVI secolo. A causa della sua funzione difensiva, il motto di "Iglesia Fortaleza" è stato aggiunto al suo nome.

architettura

Questo emblematico edificio di Jávea è in stile gotico elisabettiano. Ha una grande navata gotica con tre cappelle per lato incorniciate da contrafforti.

Le copertine

Le porte d'ingresso sono: la principale, dedicata a San Bartolomé, in stile medievale con arco a punta, timpano e pinnacoli:

E il lato dedicato a San Gil, situato di fronte alla porta del Municipio, a cui si accede da una doppia scala:

le campane

Le campane hanno un nome: dal più piccolo al più grande, Victoria, Sebastiana, Mariana e Bertomeua. Attualmente ce ne sono quattro, ma sicuramente ne sono diventati sei, perché si vedono i segni della loro installazione e il luogo che occupavano. In ogni caso, queste quattro campane non sono nemmeno quelle originali: sappiamo che ci sono stati diversi giochi di campane, anche con altri nomi, e che l'ultimo gruppo è stato fondato durante la guerra civile spagnola, perché il bronzo era molto ambito per fabbricare armi e munizioni. conserva Consueta del Sagristà del 1769, dove vengono spiegati i tocchi di ciascuna parte. In ogni caso, i tocchi tradizionali furono sostituiti nel 1963 con tocchi automatici, quando fu installata la meccanizzazione. Queste informazioni specifiche vengono estratte dal Web campaners.com, dove puoi espanderlo.

Il campanile, che fu anche utilizzato come torre di guardia, fu completato nel XNUMX ° secolo e si trova all'incrocio tra l'abside e la navata.

L'edificio è costruito per la maggior parte con la tipica pietra grezza del comune, precedentemente estratta dai depositi che si trovavano nella Playa del Montañar o Cova Tallada, situato sotto il Capo San Antonio. Anche il campanile, alto 30 metri, è in tosca. I panorami sono bellissimi, perché l'altezza totale sul livello del mare è di 86 metri.

Questa chiesa non è caratterizzata dai suoi elementi ornamentali, sono scarsi sia all'interno che all'esterno del tempio. Il tetto è formato da volte a crociera.

Sulle cappelle corre una galleria o triforium con piccoli archi aperti sulla navata interna e grandi finestre verso l'esterno.

Questo edificio è considerato uno dei migliori modelli di arte ogivale nella Comunità Valenciana.

Progetto di riabilitazione

Al momento, la chiesa è in attesa di profonde riforme e in alcuni punti, abbastanza urgente: per sicurezza, non è possibile salire sul campanile, ci sono perdite e c'è un doccione molto deteriorato. I lavori di restauro sono già autorizzati ma sta aspettando la sua esecuzione.

Orari di visita e messe

Il pastore è Salvador Torrent, nominato nel 2016. La chiesa può essere visitata dalle 10:30 alle 12:30 dal lunedì al venerdì, e nei pomeriggi, sabato, domenica e festivi è aperta 30 minuti prima della messa.

Programma di massa

Inverno: dal 1 settembre al 30 giugno, giorni lavorativi alle 8:00; Dal martedì al venerdì e vigilia alle 19:30 e festivi alle 10:00, alle 12:00 e alle 19:00

Estate: dal 1 luglio al 31 agosto, lavorando alle 8:00; Dal martedì al venerdì alle 20:00, vigilia alle 19:30 e festivi alle 10:00, alle 12:00 e alle 19:00

Curiosità

  • Nel sottosuolo dell'attuale pavimentazione, intorno alla chiesa, c'è una serie sconosciuta di cripte e navi funerarie da scoprire, probabilmente del XVI secolo.
  • In passato, la chiesa conteneva numerosi ornamenti e oggetti d'argento, che scomparvero in diversi saccheggi: nella guerra di successione nel 1707, nel 1812 per mano dei francesi e nel 1936.
  • L'edificio aveva anche merlature e feritoie, risultato della sua funzione difensiva, attualmente mancante.
  • La chiesa di San Bartolomé de Xàbia si innamorò di Joaquín Sorolla. Il pittore visitò la città in diverse occasioni tra la fine del XIX secolo e l'inizio del XX secolo e realizzò persino un'opera chiamata "Scala della chiesa di Javea" (1896), che appartiene alla collezione privata della sua famiglia.
  • La festa di San Bartolomeo, a cui è dedicato il tempio, viene celebrata il 24 agosto.
  • A dicembre di 2019, un fulmine colpì il campanile causare danni.
  • La tempesta di pioggia del gennaio 2020 ha strappato il campanello. E coincise con le effemeridi di Sant Sebastià, patrono di Jávea.

Galleria

2 Commenti
  1. Carlotta GL ha detto:

    Non ci sono foto dei nuovi magazzini, è per vergogna, vero? Non mi sorprende. Oppure è che si sono lanciati e non l'abbiamo scoperto. Siamo nelle mani di egocentrici illuminati.

  2. Cuneo ha detto:

    Mi piacerebbe conoscere la storia dell'organo che si trova sul lato sinistro della Chiesa e che sembra non essere utilizzato. È vecchio? In quale data ti unisci alla chiesa?


28.803
1.983
9.290
781