Jávea.com | Xàbia.com
Cerca

Storia di Jávea: periodo moderno (secoli XV - XVII)

Gennaio 07 da 2013 - 18: 11

La pirateria era uno dei problemi più seri che questo posto sulla costa abbia dovuto affrontare. Grandi sforzi economici furono fatti per la costruzione di fortificazioni, torri e castelli sulla costa. I pericoli pirateschi furono alleviati in alcuni momenti da quattro galee che il conte di Lerma, Francisco de Sandoval, noleggiò. Queste galee, (dopo l'espulsione dei Mori) oltre a proteggere la costa, fecero molti viaggi trasportando islamizzati in Nord Africa, di cui circa ottomila lasciarono Jávea-Xàbia.
Re Filippo III di Castiglia e II di Valencia hanno dato luogo Xàbia Jávea-il titolo di Villa a 1.612, un fatto che significava un riconoscimento dell'importanza di questo luogo e dei suoi abitanti 1.800, abitanti dei quattrocento cinquanta case esistenti all'interno del recinto murato. Supporta questa idea, l'installazione nella villa di un convento francescano di 1.616, che ha costruito la loro casa nel luogo conosciuto come la Plaçeta del Convent.
Le famiglie più notevoli in Xàbia-Jávea come Bañuls (1944), Sapena, Bas (1640), Trilles (1633) ottenuti due privilegi di cavalleria separati e titoli di nobiltà nel XVII secolo. Di questo momento sono alcuni edifici del casco urbano. Forse il caso più rappresentativo è l'attuale Museo Municipale.
Ai tempi di Carlos II, la Marina era piena di bande di mafia, che avevano terrorizzato la popolazione della regione, molti di loro abbandonarono la loro vita criminale quando andarono a servire gli eserciti del re nella penisola italiana.
Nel 1.681 il Marchese di Denia concesse a Xàbia-Jávea il diritto di poter chiedere pedaggi, caccia, erbe selvatiche, ecc ..., in modo che il posto fosse rimborsato dalle spese sostenute per la fortificazione del luogo.
Data l'importanza del commercio e di espansione possibilità in 1687 aveva iniziato a fare sul litorale di Xàbia, tentativo che è stato interrotto dalle autorità coloniali, anche se poteuano imbarcare e sbarcare dock merci.
Durante il diciassettesimo secolo importanti controversie con la vicina Denia per le controversie dei rispettivi termini comunali. A seguito di una sentenza favorevole, Jávea-Xàbia incorporò la valle di San Bartolomé, mentre Jesús Pobre continuò sotto l'amministrazione di Denia.
L'espulsione dei Moriscos
Fonte: Andrés Ortolá Tomás (1.999)
L'espulsione dei Mori, cioè della minoranza musulmana che viveva in Spagna come eredità della Spagna araba, costituisce uno dei temi capitali della nostra storia. La tolleranza religiosa che aveva caratterizzato il Medioevo, espressa dal mozarabismo e dal mudéjarismo, fu sostituita, con l'avvento dei tempi moderni, dalla tendenza assimilatoria dei monarchi cattolici e della prima Austria. Quando l'assimilazione fallì, l'idea dell'espulsione, decretata da Filippo III nel 1609, prese forma. La Spagna approfittò della congiuntura pacifista dell'Europa occidentale - la pace di Londra nel 1604, la tregua con gli olandesi nel 1609 - per concentrare le sue flotte nel Mediterraneo e risolvere un aspetto cruciale della sua unità interna con la massiccia espulsione dei Mori.
Con l'eccezione dei signori colpiti nelle loro proprietà, la dura misura di Felipe III fu accolta con un applauso generale. Aprile 4 1609, Filippo III terrà in Alcazar di Segovia, firmato il terribile decreto ha dovuto cancellare dalla faccia della Spagna, migliaia di dedicata principalmente alla coltivazione di coloni terrestri. Il decreto di espulsione. In realtà, è stata fatta risalire a quella dei Re Cattolici contro gli Ebrei in 1492 e, come questa, si occupava esclusivamente della religione e non della razza.
La questione politica contava poco per Filippo III. Molto influenzato dal Duca di Lerma e dal suo confessore Fray Gaspar de Córdoba e una volta che la questione religiosa era delimitata. Nella sua indolenza lasciò il governo completamente abbandonato nelle mani del duca di Lerma e di Marques de Denia. Non era allarmato dal timore di una ribellione dei Moriscos, un fatto che minacciava l'arcivescovo Ribera, perché la proporzione di cristiani con i Moriscos era abbastanza rassicurante. Nel censimento di 1599, ci sono state famiglie 28.071 nel regno di Valencia XVUMX cristiani di Christian 73.721. Laboriosità, sobrietà, frugalità nel loro trattamento, senza lussi che avevano nella loro casa e abiti, e l'ansia in cui, nonostante le tasse hanno pagato è andato a fendere denaro e fornite una posizione più vantaggiosa rispetto molti vecchi cristiani, la velocità con cui moltiplicati per non ammettere tra cui il celibato e sposarsi molto giovani, il non contribuiscono alle armi di servizio, che sono stati esentati, senza perdere le persone nelle guerre costose poi mantenuto la Spagna, la non emigrare in cerca di ricchezze verso il nuovo mondo, tutto questo verso il quale il moriscos si moltiplica con straordinaria rapidità.
Tale era la crescita della popolazione moresca, che agli inizi del XVII secolo, e su richiesta del Parlamento della formazione Unito censimenti non rivelare la forza moriscos che era stata sospesa. La situazione divenne insostenibile. L'ambizione del Duca di Lerma, che ottenne per sé e per i suoi figli, dalla parte che si appropriò delle vendite delle case dei Mori alla quantità di ducati 500.000. L'avido ministro era abituato a sfruttare le grandi misure politiche a proprio vantaggio. Il giorno del mese di settembre 23 1609 nelle strade e nelle piazze di Valencia, la pragmatica di espulsione strombazzato, in cui il re apellidando eretici, apostati e traditori moriscos, ha detto con la clemenza, non li condanneranno a morte, né ha confiscato la sua proprietà, purché si affrettassero ad essere spediti entro tre giorni e lasciasse per sempre le terre della Spagna.
In un così breve periodo di tre giorni, i Moriscos e le loro donne, sotto pena di morte, dovettero andare nei porti che ogni commissario indicò loro. Non avevano il permesso di uscire dalle loro case più dei beni che poteuano portare sui loro corpi. Chiunque abbia trovato un Moro sciolto dal suo posto dopo i tre giorni di editto è stato autorizzato a prendere ciò che aveva, arrestarlo e ucciderlo se avesse resistito. Immagina la sorpresa che questo terribile lato abbia causato i Moriscos. Furono costretti a lasciare il terreno sul quale erano nati, loro ei loro antenati, il terreno che avevano annaffiato con il sudore dal fronte e che avevano fertilizzato con la loro industria.
Il pericolo più grande per i moriscos era di raggiungere i porti marittimi, desiderosi di vendicare i vecchi cristiani e attratti dall'amore di rapina, gli equipaggi erano sulle strade, aggredito, rapinato e ucciso la sfortunata moriscos. Soldati e compatrioti rivaleggiavano con l'avidità e la crudeltà. Molti gentiluomini dovevano accompagnare i loro vassalli al mare. Il duca di Maqueda ha preso la sua generosità per andare con i suoi vassalli di Aspe e Crevillente e lasciarli a Orano. Molte famiglie, credendosi più sicure, avevano noleggiato le loro navi per essere trasportate in Africa, le vittime della bramosia e della brutalità dei loro capi perirono lungo la strada. Furono derubati e massacrati durante la traversata e gettati in mare.
Nell'esilio dei Mori si ripeteuano le scene di amarezza dell'espulsione degli ebrei nel XV secolo. I condannati avrebbero continuato a vivere nei loro posti. Che tristezza negli ultimi giorni di soggiorno nella maggior parte degli antenati, senza coltivare i frutteti che dovevano accadere a mani strane! finché il commissario venne a guidare la sfortunata carovana fino al porto dove attendevano le galee del re.
Da un punto di vista morale, l'espulsione del Moriscos era un atto di barbarie e intransigenza religiose e politiche. persone Circa 112.000 (più di 42.000 dai porti di Denia e Javea) sono stati espulsi dal loro paese per la semplice ragione che essi erano diverse: parlavano un'altra lingua, aveva altri costumi e adorato lo stesso Dio in modi diversi. Il 127.000 Moriscos espulso o ucciso rappresentava un 30% della popolazione valenciana. La perdita demografica fu terribile e il ripopolamento impiegò quasi un secolo a riempire parzialmente quel vuoto. Nell'ordine economico, la nazione della popolazione più utile, produttiva e contributiva è stata privata. Sono costato il trasporto dei Moriscos in Africa, i ducati 800.000. D'altra parte, il moriscos mise in circolazione una grande quantità di valuta falsa che affeziona al commercio e alle finanze pubbliche. I campi sono rimasti senza coltivazione. I signori territoriali hanno perso molte delle loro entrate. Le fortezze feudali furono demolite e i loro proprietari, che non poteuano difendersi a causa della mancanza di vassalli, si concentrarono nelle città. La mancanza di industria delle armi è stata rovinata dalla chiusura delle fabbriche e dei laboratori. I mori espulsi produssero un'altra classe di mali in Spagna più letali di quelli che erano destinati a evitare con l'espulsione, mali che coprivano le loro rive di lutto e desolazione per molti anni. I mori incoraggiarono l'odio più profondo contro gli spagnoli, molti di loro erano impegnati nella pirateria seminando il terrore sulle nostre coste.
Ne sono una buona prova gli attacchi subiti dai Calpin nel 1637 e 1744. Gli ultimi Mori della Marina (per lo più bambini e forse orfani dalla battaglia della Vall de Laguar) furono battezzati nella chiesa di San Pere de Benissa il 28 ottobre 1610. Benissa contava nel 1609, secondo il censimento di Francisco de Miranda , con 210 case di vecchi cristiani e 30 di mori. A Calpe, i pochi mori che c'erano vivevano nella Coma de la Morería (Casa de Cultura) il resto era sparso nelle diverse fattorie di La Cometa, Toix, Enchinent, ecc. I Mori vendettero frettolosamente tutti i beni che non poteuano portare con sé, provocando un forte calo dei prezzi a causa di un eccesso di offerta. che alcuni proprietari terrieri stranieri si impossessarono delle migliori terre di Calpe.
Andrés Ortolá Tomás 1999

Lascia un commento

    28.803
    2.027
    9.411
    801