Jávea.com | Xàbia.com
Cerca

Eremo del Calvario de Jávea: storia e immagine di Jesús Nazareno

12 settembre 2020 - 13: 03

Il suo nome completo è Eremo di Cristo del Calvario, ma è più facile per te ascoltarlo con nomi più brevi come l'Ermita del Nazareno, l'Ermita del Calvario o dagli abitanti di Xàbia semplicemente come i calvari, in valenziano. A Jávea c'è molta devozione al Nazareno, l'immagine che è custodita in questo eremo.

Successivamente hai un indice con tutti i punti con cui ci occuperemo.

Dov'è e come arrivarci

Il Calvari è in Calle Finisterre, 10. Ecco una mappa.

Si trova su un'altura, nel mezzo di una curva a gomito sulla strada CV-736 che proviene da Denia, poco prima di entrare nell'area urbana di Xàbia. È possibile raggiungere l'Eremo in auto da un sentiero che parte dalla stessa curva, attraversando il Via Crucis che circonda l'eremo, o da via Finisterre.

Storia

L'eremo originale fu costruito nel XVIII secolo, precisamente nel 1770. Era molto più modesto di quello attuale, ma dedicato alla stessa dedica. I membri della sua Confraternita (fondata anch'essa nel XVIII secolo), concordarono sulla necessità di costruire un tempio più grande e di classe, così lo demolirono e ne costruirono uno nuovo, inaugurato il 29 aprile 1856. È questo edificio che è arrivato fino a noi, aggiungendo il Via Crucis successivamente.

Secondo il libro "La vecchia immagine di Jesús Nazareno e il suo Eremo del Calvario nella città di Xàbia", di Antoni Espinós Quero, durante il XVIII secolo c'erano sette confraternite religiose a Xàbia:

La più radicata e più antica era la confraternita del Rosario, fondata nel 1600 e composta principalmente da donne. La confraternita del Santissimo Sacramento, detta anche "de los mozos", era stata fondata "in tempi immemorabili" ed era composta da giovani fino all'età delle milizie. E la più recente, fondata nel 1734, era la Confraternita della Santa Croce o Calvario, a cui appartenevano gli uomini.

A metà del XIX secolo (tra il 1849 e il 1857), l'eremo fu modificato. Attualmente è di proprietà comunale e negli ultimi anni ha beneficiato di un programma di riabilitazione che ha riparato il tetto e la cupola per eliminare le perdite. Dal 2017 è stato intrapreso il restauro dei dipinti delle cappelle, dei soffitti e del presbiterio.

architettura

È un tempio grande rispetto alle dimensioni usuali degli eremi. Di fronte c'è una chiara spianata con alberi e splendidi panorami.

Esterno

Il più sorprendente e caratteristico è il suo vertice, che sorge sopra un tamburo ottagonale, e che è rivestito con piastrelle smaltate blu. L'eremo ha una facciata di grandi proporzioni, in cui spicca l'accostamento e la sovrapposizione di più figure geometriche. Ha una pianta a croce greca (cioè formata da quattro bracci di uguale dimensione). A destra si trova la casa dell'eremita, ora separata ma precedentemente collegata da un muro che è stato rimosso in una recente modifica. I tetti hanno livelli diversi: quelli della navata e del transetto sono più alti, e quelli delle cappelle laterali e della sacrestia sono più bassi. In questo modo l'eremo di Calvari gioca con i volumi.

La facciata è molto spaziosa e sobria, tutta bianca tranne gli angoli, dove si vedono i blocchi di pietra. La metà centrale spicca in altezza ed è sormontata da un campanile neoclassico con un'unica campana (il campanile è una struttura muraria che si eleva verticalmente e si staglia rispetto al resto dell'edificio). La campana fu fusa nel 1856. Il portale è semplice e austero come il resto della facciata. In alto, al centro del frontone, c'è un oculo inquadrato in un'apertura semicircolare.

Interno

L'interno è decorato secondo il gusto neoclassico. Comprende una navata e cappelle laterali tra contrafforti e transetto. Presenta una volta a botte con archi trasversali (cioè servono a rinforzare la volta) che partono da lesene. La cupola si eleva su pennacchi (dove si incontra la cupola con i pilastri). Le finestre nella cupola sono state recentemente aperte per aumentare l'illuminazione naturale, che prima era molto scarsa.

L'immagine del Nazareno di Jávea

L'autore Espinós Quero spiega che, secondo Godofredo Cruañes, nel 1767 il duca di Medinaceli diede a Jávea l'immagine di Jesús Nazareno, che è venerata nella cappella del Calvario (ma, come spiegheremo in seguito, questa immagine originale fu distrutta durante la guerra di Spagna Civile).

Ampliamo i dati sul Nazareno grazie al lavoro che abbiamo già citato, "La vecchia immagine di Jesús Nazareno e il suo Eremo del Calvario nella città di Xàbia":

"Questa immagine scolpita in legno a grandezza naturale," incarnata "nel viso, nelle mani e nei piedi, e di un autore sconosciuto - forse di Murcia - è stata distrutta durante la guerra civile. Tuttavia, c'è una maschera per il viso e un calco del mano destra realizzata dal produttore di immagini locale Juan Devesa, che ha anche scolpito una copia esatta dell'immagine. A Juan Devesa, "el santeret", Xàbia deve anche, tra gli altri atti degni di riconoscimento pubblico ancora in sospeso, il recupero e la conservazione del Questa tunica primitiva è stata ora restaurata, grazie agli sforzi e alla munificenza dell'Associazione delle Casalinghe di questa città. Nel 1940, ignorando l'offerta di Juan Devesa della fedele copia del Nazareno, la confraternita commissionò una nuova immagine allo scultore Valenziano José María Ponsoda Bravo. Detta immagine, scolpita nella stessa posizione dell'originale, ma più alta, costava 7000 pesetas e la cucciolata 6000 pesetas ".

All'interno dell'eremo, l'immagine di Cristo è in una nicchia dorata, incorniciata da una pala d'altare con colonne e simboli della Passione. Il Cristo è vestito con un costume nazareno e porta la croce. L'immagine è stata restaurata nel 2008 dall'esperto di Xàbia Vicent Catalá. Questa e il resto delle immagini sono dopo la guerra civile, perché come abbiamo detto, gli originali sono stati distrutti.

Le feste in suo onore

C'è una grande devozione a Xàbia alla figura di Jesús Nazareno, nominato sindaco perpetuo della città e protagonista delle feste religiose più importanti del comune. Il parti in suo onore iniziano la terza domenica di Quaresima, quando l'immagine viene portata a spalla in processione dall'eremo al Chiesa di San Bartolomeo dove rimane fino al 3 maggio, grande giorno della sua celebrazione. Quel giorno si torna all'Eremo di Calvari accompagnato da musica, balli e fuochi d'artificio.

Il programma di queste feste comprende l'offerta di fiori a Cristo e il concorso delle Croci di Maggio. Il Venerdì Santo l'eremo e il suo Calvario sono teatro della processione del Via Crucis.

masse

Si tengono il primo venerdì di ogni mese alle 17:00 in inverno e alle 18:30 in estate. Si tengono anche matrimoni.

foto

1 Comentario
  1. Julian Puras ha detto:

    Che la signora Ramona de Palencia, dal cielo, ci accompagni a tutti i devoti del Nazareno.
    Salpa da lì, per quello che hai lavorato così duramente qui: tu Xàbia e il suo Nazareno


28.803
1.983
9.290
781