Il proprietario del progetto del ristorante 2º Montañar prenderà la strada criminale prima della sospensione della licenza

Il proprietario e promotore di quello che doveva essere un ristorante sull'unica trama vuota nella zona di Segundo Montañar a Jávea ha rilasciato una dichiarazione che spiega la situazione, nelle misure legali, approvata negli ultimi mesi.

Ed è il passato 28 di febbraio, il pieno Javea Municipio ha ratificato la decisione dell'ufficio del sindaco di sospendere la licenza che è stata legalmente concessa per la costruzione di un ristorante-caffetteria nel Segundo Montañar. In vista di questa decisione, il proprietario e promotore della trama ha dichiarato che "La nostra protezione davanti alle corti di giustizia non sarà limitata alla responsabilità civile e patrimoniale dell'amministrazione, ma anche al criminale, al fine di affinare specifiche responsabilità personali su questa decisione, incluso il crimine di prevaricazione in cui potrebbe esserci sostenuti politici responsabili e tecnici della città di Jávea ».

Il proprietario afferma che la sua intenzione era quella di dare un uso legale all'ultima trama non costruita della Seconda Montagna, «Essendo un edificio destinato al servizio pubblico degli utenti della spiaggia, tra i quali è contemplato il ristorante-caffetteria, rispettando così la legge e gli attuali regolamenti urbani».

«Questo fatto ha causato che il vicino dello chalet familiare adiacente alla trama, María Calatayud, abbia fatto ricorso alla piattaforma change.org e all'inganno (con falsità) per raccogliere le firme 2.851 contro il progetto. Per questo, lo ha definito come un bar sulla spiaggia, osservando che avrebbe modificato l'attuale modello di spiaggia. Ma ogni conoscitore della Seconda Montagna sa che tutta la sua costa è urbanizzata da quaranta ville di prima linea, con la sola eccezione della trama del ristorante-caffetteria progettato », dice il promotore.

Inoltre, il proprietario della trama lo indica "Concedere queste menzogne ​​valide è stato quando il Consiglio Comunale ha avviato una procedura di cancellazione della licenza".

Compensazione del milionario

Nella sessione plenaria, le parti di opposizione hanno sottolineato che la cancellazione della licenza comporterebbe a "Compensazione del milionario", ma prima di queste dichiarazioni, il proprietario e lo sviluppatore hanno indicato "Quello non era il nostro modello di business, volevamo solo usarlo all'interno della legge per un sito che, paradossalmente, il Comune ci ha venduto a suo tempo per costruire, come la famiglia Calatayud e altri vicini". Inoltre, il proprietario indica nella dichiarazione che, contrariamente a quanto è stato discusso in sessione plenaria dal Consigliere urbanistico, "L'indennizzo non sarà limitato al costo di un progetto architettonico non eseguito, ma se è dimostrato che la licenza sospesa era legale, includerebbe la perdita di profitto causata dal progetto, di cui
L'inaugurazione è stata programmata per le prossime stagioni di Pasqua ed estate, aggiungendo anche le successive mentre il processo si svolge in tribunale.

articoli correlati

Commenti su "Il proprietario del progetto ristorante 2º Montañar prenderà la strada criminale prima della sospensione della licenza"

3 Commenti

  1. Mar:

    Ma quanto è assurdo ciò che dici. Quindi ristorante, sfruttamento, rumori per trarne profitto, ma niente alloggi. Un altro che invidia l'invidia

  2. tamburello:

    Penso che sia grandioso e spero che i tribunali daranno ragione. Nella Seconda Montagna l'illegalità risiede nelle case private già costruite e che dalla legge delle coste devono essere demolite o che sono di uso pubblico. Ma quel problema non tocca il Consiglio comunale per mancanza di concetto, coraggio e legalità. L'atteggiamento del consiglio comunale su questo tema è disastroso.

(Obbligatorio)

26.478
1.700
4.736
435
Utilizziamo cookie propri e di terze parti per offrirti pubblicità personalizzata e raccogliere dati statistici. Se continui a navigare consideriamo che accetti il ​​nostro politica cookies.